Il Bioetanolo

Che cos'è il Bioetanolo?

Il bioetanolo è un combustibile (alcool) naturale derivato dalla fermentazione delle biomasse, ottenuto da piante come barbabietole, mais e canne da zucchero. Ultimamente si è iniziato a produrre etanolo anche dalla fermentazione della cellulosa.

Estrazione del Bioetanolo

Sono la soluzione perfetta per chi vuole il calore del fuoco acceso ma non può mettere in casa un caminetto classico, ad esempio perché abita in un appartamento dove non è possibile aprire una canna fumaria: i camini a etanolo e bioetanolo non ne hanno bisogno, si possono piazzare dappertutto e grazie a design accattivanti e curati diventano un pezzo d’arredo suggestivo, specialmente in inverno.

Come si utilizza?

Il suo funzionamento è estremamente semplice, basterà versare il combustibile nel serbatoio e accenderlo, o manualmente tramite accendigas, oppure tramite un pulsante, a seconda dei modelli. I modelli possono essere molto curati nel design. Vanno dai piccoli caminetti a bioetanolo da tavola, a quelli molto grandi e adatti proprio per riscaldare gli ambienti.

Ma veramente non serve la canna fumaria?

In teoria l’etanolo e il bioetanolo bruciano producendo acqua e anidride carbonica, ma nella realtà le cose vanno diversamente e i prodotti finali effettivi dipendono dalla qualità e dal tipo del combustibile, dalla temperatura raggiunta e da altri fattori.  In realtà l’etanolo non brucia davvero del tutto e oltre all’anidride carbonica si formano monossido di carbonio, sostanze organiche tossiche come il benzene, gas irritanti come la formaldeide, particelle ultrafini. In sostanza, per  maggiore sicurezza, si consigliala l'uso di caminetti e stufe chiusi e dodatati di canna fumaria.La canna fumaria smaltisce i prodotti tossici della combustione verso l’esterno. Evidentemente quando la canna fumaria non c'è i prodotti della combustione finiscono nell’aria della stanza dove si trova il camino. Per avere una buona qualità dell’aria, tale da non porre pericoli, sarebbe meglio almeno installarli in stanze ampie che possano essere facilmente ventilate.

Quali sono i vantaggi del bioetanolo?

  • L’utilizzo del bioetanolo è molto comodo, essendo in forma liquida può essere contenuto e trasportato in comode bottiglie o taniche e soprattutto;
  • Non occupa molto spazio all’interno della casa, come avviene per esempio con la legna;
  • Non comporta la produzione di ceneri all’interno del camino: questo implica una manutenzione estremamente semplice e poco impegnativa;
  • La fiamma prodotta è calda e bella da vedere (la sua fiamma è di un intenso colore giallo): l'atmostfera è quella del tradizionale caminetto a legna;
  • E' inodore.

Quanto consuma un camino a bioetanolo?

Per valutare i consumi dobbiamo confrontare questo combustibile con un'alternativa come il pellet. l potere calorifico del bioetanolo è di circa 5000 kCal/litro e quello del pellet (per fare un altro esempio ecosostenibile) circa 4500 kCal/kg. A parità di peso (1 Kg di pellet e 1 litro di bioetanolo), il costo del bioetanolo può essere ance otto volte superiore.